La Confraternita arrow Le notizie arrow Rassegna stampa arrow La Frìtula de Barfìi
La Frìtula de Barfìi PDF

Rendiamo gli onori a Baruffini!
Dopo la bella serata del 27 luglio al Parco degli Olmi con la "disfida" del chisciöl ,con la vittoria a fil di lana del chisciöl di Sernio su quelli di Tirano e Bianzone,  è entrato in campo anche Baruffini per sfoggiare il chisciölìn e la famosa "frìtula  dé Barfìi".

A far centro ci ha pensato il bravo e simpatico  Silvio.La trattoria “Del Simone Silvio” è situata sulla prospiciente piazza  della chiesa di S. Pietro Martire, sfoggia una magnifica terrazza che dona una vista fantastica sulla valle, mentre il ristorante  è dotato di due belle sale da pranzo  in pietra e caldo legno che ricordano antichi sapori e vecchi intinerari "dèla bricòla".
In questo ambiente ideale Silvio ha proposto "la fritula" e i "chisciölin" al Presidente, ai Vicepresidenti, al Consiglio Esecutico, ai Sindaci e Probiviri e alla Commissione giudicatrice del chisciöl.
Dopo il saluto del Presidente prof. Gianluigi Garbellini, i vice presidente Trecarichi Roberto e Maifrè Ezio hanno  illustrato quanto è stato finora fatto e tracciato, in comune accordo con gli altri membri della Confraternita, le linee guida future (conviviali, convenzione con i ristoratori e vinificatori, sito internet, ricerche sulle ricette ecc.).
Terminati i lavori si è vista e gustata l'arte di Silvio.Meraviglia! Ecco giungere la  fumante "frìtula sü 'n ciapél de légn" . Tempo di cottura una ora e mezza!

Baruffini d'inverno
Baruffini invernale
Mi sono avvicinato con fare religioso con la macchina fotografica per immortalare la delizia sotto lo sguardo fiero di Silvio che mi ha concesso, dopo insistenza, di immortalarla.
Uno, due, tre foto veloci poi me l'ha rapita e  l'ha servita a pezzi con verze e insalata locale ai commensali abbinata a vino rosso locale. Dopo sono giunti i chischiölìn e la torta di grano saraceno. Una delizia!
Alla fine della conviviale mi sono avvicinato a Silvio visibilmente emozionato e, sperando di coglierlo in un momento di debolezza, gli ho chiesto la ricetta della "frìtula".
Lui con quel fare che solo quelli di Baruffini hanno mi ha guardato ben bene in faccia e poi mi ha detto: “l‘a tà piasüda?  Basta iscì, la rizèta te la dò mìga, se tàa vöö amò mangiàla vèn amò chilò!!".

Bene ha fatto Silvio nel rispondermi così poichè la "frìtula" è come una bella donna che se ha qualche mistero non guasta.
Ora toccherà a Villa  entrare in campo e lo farà in ottobre.
Ezio Maifrè

 


 

 
< Prec.   Pros. >